Notizie
A LUGLIO ARRIVA LA CARTA PREPAGATA PER LA SPESA DA 382 EURO, IN DISTRIBUZIONE 1,3 MILIONI DI TESSERE A INDIGENTI
09 Maggio 2023

Il decreto firmato dai ministri dell'Agricoltura e dell'Economia, Lollobrigida e Giorgetti, attua il fondo da mezzo miliardo previsto dalla manovra 2023

Il decreto firmato dai ministri dell'Agricoltura e dell'Economia, Lollobrigida e Giorgetti, attua il fondo da mezzo miliardo previsto dalla mani Ra 2023. Si tratta di un sostegno alle famiglie indigenti in cui non sono presenti titolari di reddito di cittadinanza, per l'acquisto di beni alimentari di prima necessità.

CARTA ACQUISTI, LA SOGLIA ISEE PREVISTA PER FARE DOMANDA
Il provvedimento è rivolto a quelle persone residenti in Italia che, alla data della pubblicazione del Dm, abbiano tutti i componenti del nucleo familiare iscritti all’Anagrafe della popolazione residente e siano titolare di un’Isee valido non superiore a 15mila euro.

CARTA ACQUISTI, ESCLUSO CHI È TITOLARE DI REDDITO DI CITTADINANZA, NASPI, DIS-COLL, CIG E ALTRI
La carta acquisti, che consisterà materialmente in una Postepay prepagata e ricaricabile, prevede tutta una serie di esclusioni. Infatti il contributo non potrà essere erogato a quei nuclei familiari in cui vi siano titolari di reddito di cittadinanza, reddito di inclusione o qualsiasi altra misura di inclusione sociale o sostegno alla povertà.
Tra le esclusioni indicate dal decreto attuativo ci sono i nuclei familiari nei quali almeno un componente sia percettore di: nuova assicurazione sociale per l’impiego (Naspi) e indennità mensile di disoccupazione per i collaboratori (Dis coll); indennità di mobilità; fondi di solidarietà per l'integrazione del reddito; Cassa integrazione guadagni (Cig); ogni altra forma di integrazione salariale, o di sostegno nel caso di disoccupazione involontaria, erogata dallo Stato.

LE LIMITAZIONI NEGLI ACQUISTI, RISERVATI SOLO AI BENI DI PRIMA NECESSITÀ
La carta acquisti sarà utilizzabile solo per le spese alimentari di prima necessità. Non è in alcun modo ammesso l’acquisto di bevande alcoliche.
Il buono potrà essere speso presso tutti gli esercizi commerciali che vendono generi alimentari.
Per questi ultimi sarà necessario stipulare una convenzione. L’accreditamento passerà per una domanda da presentare (anche in via telematica) al Masaf.
L’esercizio dovrà aderire a piani di contenimento dei costi dei beni alimentari di prima necessità da attuare anche attraverso apposita scontistica praticata a favore dei possessori delle carte. La convezione dovrà prevedere le modalità della comunicazione periodica dei dati di variazione dei prezzi praticati per la generalità degli utenti relativi ai beni di prima necessità.

CARTA ACQUISTI, IMPORTO MASSIMO SPENDIBILE FINO A 382,5 EURO
Il decreto fissa anche un tetto massimo di 382,5 euro per nucleo familiare. Resta la possibilità di effettuare un riparto degli eventuali residui.
Infatti il decreto prevede che Poste italiane effettua un monitoraggio dal mese di ottobre 2023 sulle somme che non risultano assegnate e sulle carte non attivate e ne informi il ministero dell'Agricoltura, il ministero dell'Economia e i Comuni.
Gli importi residui risultanti dal monitoraggio sono ricaricati sulle carte dei componenti dei nuclei familiari che abbiano regolarmente utilizzato le somme nei mesi precedenti secondo i criteri di priorità e con le modalità previste il riparto.

I COMUNI RICEVONO DALL' INPS L'ELENCO DEI BENEFICIARI
Il meccanismo di attribuzione prevede una sinergia tra Inps e Comuni. In pratica, i Comuni riceveranno - nel limite delle carte assegnato a ciascuno di essi - l’elenco dei beneficiari messo a disposizione dell’Inps, attraverso un’applicazione web sul proprio sito istituzionale, sulla base di tre parametri di priorità in ordine decrescente individuate dal decreto.
I Comuni saranno chiamati a verificare la posizione anagrafica dei nuclei familiari contenuti negli elenchi. Sulla base del numero di carte loro assegnate, attribuiscono quelle eventualmente rimaste dopo l'applicazione dei criteri di priorità, selezionando i beneficiari, nell'ambito dell'elenco predisposto, tra i nuclei familiari, anche unipersonali, in effettivo stato di bisogno, sulla base di informazioni provenienti dai locali servizi sociali.

STIMATA PLATEA DA 1,3 MILIONI DI CARTE ASSEGNABILI
Saranno sempre i Comuni a comunicare agli interessati l’assegnazione dell’aiuto e le modalità di ritiro della tessera che avverrà presso gli uffici postali. Potranno essere attribuite complessivamente tra tutti i Comuni non più di 1,3 milioni.
Le carte saranno nominative e saranno operative a partire dal mese di luglio 2023. Attenzione, però. Chi non effettuerà la prima spesa di beni alimentari di prima necessità con la tessera assegnata entro il 15 settembre 2023 decadrà dal beneficio.



 


Tags: #cartaacquisti #aiutifamiglie #AssistenzaPatronato #cartaacquisti #redditodicittadinanza #sostegnoalreddito

Resta sempre connesso

Benvenuto, Inac ti permette di richiedere ogni tipologia di prestazione senza uscire di CASA.
Le richieste saranno esaminate da un esperto previdenziale che ti assisterà nelle varie operazioni. Clicca per vedere l’elenco dei servizi offerti.
Se sei già un nostro assistito e negli anni precedenti ti sei servito dell’assistenza di una nostra sede Inac puoi iniziare a compilare i campi di seguito riportati, successivamente sarai contattato dalla nostra sede territoriale.
Se non sei un assistito del patronato Inac puoi tranquillamente registrarti compilando i campi di seguito riportati e sarai contattato dalla sede territoriale Inac a te più vicina.
Registrandoti riceverai gratuitamente via mail il nostro giornale “Diritti Sociali”, così sarai sempre aggiornato sull’evoluzione della normativa.

Per cittadini nati all’estero, inserire il paese e la città di nascita


X

Copyright © 2019 Inac, All Rights Reserved. INAC - ISTITUTO NAZIONALE ASSISTENZA AI CITTADINI. Lungotevere Michelangelo, 9 - 00192 Roma. Created by Web Agency Interact SpA 2018

Siamo qui, sempre disponibili ad offrire la nostra assistenza anche agli indigenti."Ai sensi dell’art.13 L. 152/2001 puoi decidere di lasciare un libero contributo per sostenere le nostra attività, effettuando un bonifico al seguente IBAN: IT19D0832703398000000012555 intestato a: Inac-Istituto nazionale assistenza cittadini con la seguente causale: erogazione liberale art.13 L. 152/2001 effettuata da (nome e cognome).