Notizie
INVALIDI CIVILI, “SI” ALLA REVISIONE SENZA VISITA IN PRESENZA
28 Febbraio 2022

Sarà possibile chiedere il pronunciamento delle commissioni mediche direttamente sulla documentazione sanitaria disponibile.

 

Facilitato il percorso di revisione delle prestazioni assistenziali. Per merito del decreto semplificazioni (dl n. 76/2020) il cittadino potrà chiedere il pronunciamento delle commissioni mediche sulla base della documentazione sanitaria disponibile dribblando, quindi, la visita diretta di revisione. Lo rende noto l'Inps nel messaggio n. 926/2022

La disposizione autorizza le commissioni mediche INPS proposte all'accertamento delle minorazioni civili e dell'handicap a redigere verbali, sia di prima istanza che di revisione, anche solo sugli atti in tutti i casi in cui sia presente una documentazione sanitaria che consenta una valutazione obiettiva. Ebbene l'Inps spiega di aver aggiornato il procedimento di convocazione a visita di revisione per tener conto della novità.

Nello specifico quattro mesi prima della data prevista per la visita di revisione, l'Inps invierà al cittadino una lettera, con posta prioritaria, contenente l’invito ad allegare la propria documentazione sanitaria tramite il servizio online “Allegazione documentazione Sanitaria Invalidità Civile” entro i successivi 40 giorni. Se il cittadino si avvale di tale facoltà le commissioni mediche preposte formuleranno il proprio giudizio sanitario valutando gli atti prodotti sempreché la documentazione sanitaria sia sufficiente ad una valutazione obiettiva. Senza quindi procedere alla fissazione della visita di revisione.

In caso contrario l'interessato sarà convocato a visita diretta e, a tale fine, riceverà, a mezzo raccomandata A/R, l’invito a presentarsi presso l’Unità Operativa Complessa (UOC) o l’Unità Operativa Semplice (UOS) competente per territorio. La data della visita, che dipende dalla disponibilità dei calendari della Commissione medica, può, in alcuni casi, non coincidere con la data di revisione riportata nel verbale.

Vi fosse impossibilità ad andare a visita il cittadino dovrà produrre una documentata richiesta di giustificazione per motivi amministrativi o sanitari. In caso di accoglimento della giustificazione l’assistito sarà nuovamente convocato a visita.

Senza una idonea giustificazione la prestazione economica in godimento e/o gli altri eventuali benefici correlati verranno sospesi e decorsi 90 giorni dalla comunicazione della sospensione, l'Inps provvederà alla revoca definitiva della prestazione.

L'Istituto ha spiegato che le comunicazioni, oltre ad avvenire tramite posta prioritaria e raccomandata, saranno affiancate da un servizio di chiamata (outbound) che avviserà l'interessato circa la data, il luogo e l’ora della visita di revisione. Seguirà, inoltre, ulteriore invito tramite messaggio SMS per ricordare l’appuntamento.


Tags: #Invalidità civile

Resta sempre connesso

Benvenuto, Inac ti permette di richiedere ogni tipologia di prestazione senza uscire di CASA.
Le richieste saranno esaminate da un esperto previdenziale che ti assisterà nelle varie operazioni. Clicca per vedere l’elenco dei servizi offerti.
Se sei già un nostro assistito e negli anni precedenti ti sei servito dell’assistenza di una nostra sede Inac puoi iniziare a compilare i campi di seguito riportati, successivamente sarai contattato dalla nostra sede territoriale.
Se non sei un assistito del patronato Inac puoi tranquillamente registrarti compilando i campi di seguito riportati e sarai contattato dalla sede territoriale Inac a te più vicina.
Registrandoti riceverai gratuitamente via mail il nostro giornale “Diritti Sociali”, così sarai sempre aggiornato sull’evoluzione della normativa.

Per cittadini nati all’estero, inserire il paese e la città di nascita


X

Copyright © 2019 Inac, All Rights Reserved. INAC - ISTITUTO NAZIONALE ASSISTENZA AI CITTADINI. Lungotevere Michelangelo, 9 - 00192 Roma Created by Web Agency Interact SpA 2018