Notizie
ANTICIPO TFR/TFS: INPS PAGHERA' I DIPENDENTI PUBBLICI IN CASO DI MANCATO RIMBORSO
02 Novembre 2022

Lo ha chiarito una recente Circolare trasmetta dall'Istituto di previdenza

Sarà a carico dell’Inps il mancato rimborso dell’anticipo del TFS/TFR agli istituti di credito. L’ente previdenziale, infatti, provvederà al pagamento dell’80% delle somme anticipate grazie all’intervento del Fondo di garanzia previsto dal dl n. 4/2019 che lo stesso legislatore ha affidato all’Inps. Salvo poi surrogarsi nei diritti della banca nei confronti delle amministrazioni inadempienti. Lo ha reso noto Inps con unaposta Circolare che spiega le modalità attraverso le quali le banche e gli istituti creditizi potranno attivare la garanzia statale sulle somme anticipate a titolo di TFS/TFR in caso di inadempienza delle amministrazioni tenute al pagamento.

Anticipo TFS/TFR

I chiarimenti riguardano i dipendenti pubblici che hanno optato per l'anticipo del TFS/TFR ai sensi dell'articolo 23 del dl n. 4/2019 convertito con legge n. 26/2019 tramite un finanziamento erogato dal sistema bancario. La disposizione da ultimo richiamata ha previsto la possibilità di finanziare l'intero importo netto della prestazione conseguibile entro un massimo di 45mila euro. Il prestito, come noto, spetta ai soli lavoratori cessati dal servizio (per dimissioni o per raggiungimento dei limiti di età) che siano andati in pensione con i requisiti per la pensione anticipata o di vecchiaia stabiliti dalla Legge Fornero o con la «quota 100» (ora «quota 102») anche prima del 29 gennaio 2019 (data di entrata in vigore del citato dl).

Garanzia Statale

E’ prevista  al momento in cui sorge il diritto all’erogazione del TFS/TFR l’ente tenuto al pagamento delle somme (nei casi ove  la stessa pubblica amministrazione è datrice di lavoro) rimborsi direttamente il prestito concesso agli intermediari finanziari trattenendo lo stesso dalle somme da corrispondere al richiedente. In caso di impossibilità al rimborso scatta la tutela del Fondo di Garanzia che copre l’80% dell’importo dell’anticipo TFS/TFR. A tal fine, come già indicato nella Circolare Inps n. 131/2020, in occasione della conclusione del contratto di anticipo del TFS/TFR l’ente erogatore è tenuto a registrarsi nel registro “lavoro pubblico” e ad acquisire dall’INPS il rilascio della garanzia; le banche, inoltre, sono tenute a versare la commissione di accesso al Fondo (pari allo 0,01% dell’importo dell’anticipo del TFS).

Come funziona

L’Inps spiega che l’operatività della garanzia è subordinata a due condizioni:

al versamento della commissione di accesso al Fondo da parte degli istituti bancari nella misura dell’0,01% dell’importo dell’anticipo TFS/TFR, entro il 20 aprile, il 20 luglio, il 20 ottobre e il 20 gennaio per l’insieme dei contratti stipulati rispettivamente nel primo, secondo, terzo e quarto trimestre di ogni anno civile;

alla comunicazione all’indirizzo PEC mediante il proprio indirizzo PEC registrato nel portale “lavoropubblico”, entro i medesimi termini, delle informazioni relative al versamento delle commissioni di accesso, necessarie ad attivare l’efficacia della singola garanzia.

La garanzia può essere attivata allo spirare del termine normativamente stabilito per il pagamento della singola rata di TFS/TFR all’accertamento del mancato rimborso totale o parziale del finanziamento da parte dell’Ente erogatore. In tale evenienza la banca dovrà assegnare all’ente erogatore un termine non inferiore a 30 giorni decorso il quale la banca dovrà inoltrare apposita richiesta al Fondo di Garanzia Inps entro i successivi 9 mesi (a pena di inefficacia della garanzia). La richiesta va prodotta tramite il modello “MV77”, denominato “Richiesta attivazione della Garanzia per l’accesso ai finanziamenti – anticipo TFS/TFR”, reperibile sul sito istituzionale al seguente percorso: “Prestazioni e servizi” > “Moduli”. Entro 60 giorni dalla ricezione della richiesta l’Istituto, accertata l’esistenza dei presupposti per la concessione, provvede al pagamento alla banca delle somme dovute.

Effettuato il pagamento il Fondo di garanzia è surrogato di diritto alla banca per l’importo pagato e dei relativi diritti di privilegio. E pertanto il Fondo di garanzia potrà agire nei confronti dell’amministrazione pubblica inadempiente per il recupero delle somme corrisposte.

Nella Circolare ,  infine, è illustrata analoga procedura per effettuare all’Inps la comunicazione di estinzione anticipata del finanziamento in misura totale o parziale, da parte del richiedente.


Tags: #News

Resta sempre connesso

Benvenuto, Inac ti permette di richiedere ogni tipologia di prestazione senza uscire di CASA.
Le richieste saranno esaminate da un esperto previdenziale che ti assisterà nelle varie operazioni. Clicca per vedere l’elenco dei servizi offerti.
Se sei già un nostro assistito e negli anni precedenti ti sei servito dell’assistenza di una nostra sede Inac puoi iniziare a compilare i campi di seguito riportati, successivamente sarai contattato dalla nostra sede territoriale.
Se non sei un assistito del patronato Inac puoi tranquillamente registrarti compilando i campi di seguito riportati e sarai contattato dalla sede territoriale Inac a te più vicina.
Registrandoti riceverai gratuitamente via mail il nostro giornale “Diritti Sociali”, così sarai sempre aggiornato sull’evoluzione della normativa.

Per cittadini nati all’estero, inserire il paese e la città di nascita


X

Copyright © 2019 Inac, All Rights Reserved. INAC - ISTITUTO NAZIONALE ASSISTENZA AI CITTADINI. Lungotevere Michelangelo, 9 - 00192 Roma Created by Web Agency Interact SpA 2018