• 30 SEPTEMBER 2014 - 10:47
  • Servizi ai cittadini -->
Ricerca parametrica

LA PENSIONE AI SUPERSTITI

            1.     I beneficiari

2.     Le quote di pensione spettanti ai superstiti

3.     Cumulo pensione ai superstiti con altri redditi

4.     Pensione ai superstiti e rendita iNAIL

5.     Indennita' una tantum

6.     Domanda e decorrenza

7.     Il ricorso

 

E' la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del suo nucleo familiare. Questa ensione può essere di reversibilità, se la persona deceduta era già pensionata (pensione di vecchiaia, anzianità o inabilità) oppure indiretta se aveva almeno 15 anni di contributi oppure era assicurato da almeno 5 anni di cui almeno 3 versati nel quinquennio precedente la data di morte.

1.   I BENEFICIARI

IL CONIUGE

·        il coniuge, anche se separato;

·        il coniuge separato "per colpa", solo se il Tribunale ha stabilito che ha diritto agli alimenti;

·        il coniuge divorziato, purché il lavoratore deceduto sia stato iscritto all'Inps prima della sentenza di scioglimento o della cessazione degli effetti civili del matrimonio. Deve essere titolare di assegno di divorzio e non deve essere risposato;

·        il coniuge divorziato ha diritto alla pensione anche se il lavoratore deceduto si è risposato dopo il divorzio e il secondo coniuge è ancora in vita. In tal caso, l'Inps paga la pensione soltanto dopo che il Tribunale ha emesso una sentenza con la quale stabilisce le quote di pensione spettanti al primo e al secondo coniuge (legge n.74 del 1987).

   *  Con la sentenza 419/99, la Corte Costituzionale ha stabilito che il criterio della durata temporale dei due matrimoni non è l'unico criterio che il tribunale deve seguire per calcolare la quota proporzionale di pensione spettante al coniuge superstite e all'ex-coniuge. Il giudice deve valutare anche altri elementi quali la posizione economica del coniuge divorziato e quella del coniuge superstite. Inoltre, con una recente sentenza, la Corte di Cassazione ha stabilito che, per valutare la quota di pensione spettante a ciascuno, occorre tenere conto anche di eventuale periodi di convivenza prima del matrimonio.

In caso di nuove nozze, al coniuge superstite viene revocata la pensione di reversibilità, ma ha diritto alla liquidazione di una doppia annualità, che corrisponde a 26 volte l'importo della pensione percepita alla data del nuovo matrimonio. La doppia annualità spetta al coniuge che si risposa, anche se vi sono figli superstiti che percepiscono la pensione.

Se esistono figli minori che percepivano la pensione di reversibilità insieme al coniuge superstite, essi hanno diritto ad un aumento della loro quota. Per ottenere l'aumento è necessario presentare all'Inps la documentazione attestante l'avvenuto matrimonio del genitore superstite.

I FIGLI (legittimi, legittimati, adottivi, affiliati, naturali, legalmente riconosciuti o giudizialmente dichiarati, nati da precedente matrimonio dell'altro coniuge) che alla data della morte del genitore, siano:

·        minori di 18 anni;

·        studenti di scuola media superiore di età compresa tra i 18 e i 21 anni, che siano a carico del genitore e che non svolgano alcuna attività lavorativa;

·        studenti universitari per tutta la durata del corso legale di laurea e comunque non oltre i 26 anni, che siano a carico del genitore e che non svolgano alcuna attività lavorativa;

·        inabili di qualunque età, a carico del genitore

·        i figli postumi, purchè nati entro il 300° giorno dalla data del decesso del dante causa..

I NIPOTI MINORI, purché a carico del nonno o della nonna deceduti, sono equiparati ai figli legittimi e legittimati, e quindi inclusi tra i destinatari diretti della pensione ai superstiti. Nel caso del nipote di età inferiore ai 18 anni, occorre che questo sia stato mantenuto dall'assicurato o dal pensionato deceduto e che si trovi in una situazione di bisogno per la quale non sia autosufficiente economicamente.

Nel caso in cui il giovane non sia orfano, la presenza di uno o di entrambi i genitori non è di ostacolo al riconoscimento della pensione solo nel caso in cui venga dimostrato che nessuno dei genitori è in condizione di provvedere al mantenimento del figlio, sia perché essi non svolgono alcuna attività lavorativa sia perché non hanno fonti di reddito (sentenza della Corte Costituzionale n.180 del 1999).

I GENITORI

In mancanza del coniuge, dei figli e dei nipoti, possono usufruire della pensione ai superstiti anche i genitori che alla data della morte del lavoratore o del pensionato abbiano almeno 65 anni, non siano titolari di pensione e che risultino a carico dell'assicurato o pensionato deceduto con un reddito non superiore all'importo del trattamento minimo maggiorato del 30%. Si ricorda che, per il 2008, il reddito da non superare è di € 576,02 mensili.

I FRATELLI E LE SORELLE

In mancanza del coniuge, dei figli, dei nipoti e dei genitori, possono usufruire della pensione ai superstiti anche i fratelli celibi e le sorelle nubili che alla data della morte del lavoratore o del pensionato siano inabili al lavoro, anche se minori, non siano titolari di pensione e che risultino a carico dell'assicurato o pensionato deceduto con un reddito non superiore al l'importo del trattamento minimo maggiorato del 30%. Si ricorda che, per il 2008, tale importo è di € 576,02 mensili.

Quando si è a carico?

Perché i figli, i nipoti e gli equiparati maggiorenni studenti o inabili superstiti, siano considerati a carico del genitore o del nonno deceduto, devono trovarsi in uno stato di bisogno, non siano autosufficienti economicamente e al loro mantenimento provvedessero l'assicurato o il pensionato deceduto.

Sono considerati a carico:

·        i figli ed equiparati maggiorenni studenti che hanno un reddito che non supera l'importo del trattamento minimo maggiorato del 30%. Si ricorda che, per il 2008, tale importo è di € 576,02 mensili;

·        i figli maggiorenni inabili che hanno un reddito non superiore a quello richiesto dalla legge per il diritto alla pensione di invalido civile totale. Si ricorda che, per il 2008, tale importo è pari a € 14.466,67 annui;

·        i figli maggiorenni inabili, titolari dell'indennità di accompagnamento, che hanno un reddito non superiore a quello richiesto dalla legge per il diritto alla pensione di invalido civile totale aumentato dell'importo dell'indennità di accompagnamento. Si ricorda che, per il 2008, tale importo è di 20.047,75 euro annui.

2.   LE QUOTE DI PENSIONE SPETTANTI AI SUPERSTITI

Quote di pensione spettanti ai superstiti dell'assicurato o del pensionato deceduto:

Quote di pensione

Percentuale

Beneficiari

60  %

al coniuge

80  %

al coniuge con un figlio

100 %

al coniuge con due figli

 

Nel caso in cui abbiano diritto alla pensione soltanto i figli o i nipoti, o i fratelli o le sorelle, o i genitori, le quote di pensione sono le seguenti:

Quote di pensione

Percentuale

Beneficiari

70  %

un figlio

80  %

due figli

100 %

tre o più figli

15   %

un genitore

30  %

due genitori

15  %

un fratello o una sorella

30  %

due fratelli o sorelle

45  %

tre fratelli o sorelle

60  %

quattro fratelli o sorelle

75  %

cinque fratelli o sorelle

90  %

sei fratelli o sorelle

70  %

un figlio

 

I nipoti hanno le stesse aliquote di reversibilità stabilite per i figli.

La somma delle quote non può, comunque, superare il 100% della pensione che sarebbe spettata all'assicurato.

Le quote spettanti ai superstiti del titolare di pensione integrata al minimo vengono calcolate sull'importo effettivamente pagato al defunto. Le quote dovute ai superstiti dell'assicurato vengono calcolate sulla pensione che sarebbe spettata al lavoratore al momento del decesso, comprensiva dell'eventuale integrazione al trattamento minimo. (sentenza della Corte Costituzionale n. 495 del 1993).

3.   CUMULO PENSIONE AI SUPERSTITI CON ALTRI REDDITI

La quota di pensione derivante dall’applicazione delle predette percentuali sull’importo che sarebbe spettato al de cuius verrà erogata per intero se il superstite non possiede redditi, in caso contrario sarà ulteriormente ridotta come di seguito illustrato:

Riduzione pensione

Percentuale di riduzione

                     Condizione di reddito

 25 %

se il pensionato oltre alla pensione ha un reddito annuo superiore a tre volte il trattamento minimo, che per il 2008 è pari a € 17281,68annui (5760,56 trattamento minimo per il 2008 x 3);

 40 %

se il pensionato oltre alla pensione ha un reddito annuo superiore a quattro volte il trattamento minimo che per il 2008 è pari a € 23042,24;

 50 %

se il pensionato oltre alla pensione ha un reddito annuo superiore a cinque volte il trattamento minimo che per il 2008 è pari a € 28802,80.

 

In particolare

Questa regola non vale se la pensione spetta ai figli minori, studenti o inabili.
Non costituiscono reddito:

·        i trattamenti di fine rapporto e loro eventuali anticipazioni;

·        la casa di proprietà del superstite se vi abita;

·        le competenze arretrate soggette a tassazione separata;

·        la pensione stessa di reversibilità e qualunque altra pensione di reversibilità di cui l'interessato sia titolare.

Accredito della maternità al di fuori del rapporto di lavoro richiesta dai superstiti

Il decreto legislativo n. 151 del 2001, all’art. 25, dispone l’accredito della contribuzione figurativa, corrispondente al periodo di astensione obbligatoria, per le  maternità intervenute al di fuori del rapporto di lavoro,  per quelle lavoratrici che all’atto della domanda possano far valere almeno cinque anni di contribuzione nel fondo pensioni lavoratori dipendenti. Il medesimo articolo dispone, altresì, la possibilità di riscatto per i periodi corrispondenti alla astensione facoltativa.

L’INPS, con circolare n. 61 del 2003 precisa che, sia l’accredito del periodo di astensione obbligatoria che il riscatto dell’astensione facoltativa, possono essere richiesti anche dai superstiti, con conseguente ricostituzione del trattamento pensionistico, a condizione che il dante causa potesse far valere i requisiti di legge.

Ratei di tredicesima mensilità del defunto

I ratei della tredicesima mensilità maturati dall’assicurato alla data del decesso sono entrati nel patrimonio del de cuius, quindi spettano giuridicamente agli eredi i quali debbono presentare apposita domanda all’Istituto previdenziale ai fini della liquidazione.

 4.   PENSIONE AI SUPERSTITI E RENDITA INAIL

Le pensioni ai superstiti con decorrenza dal 1° luglio 2000, sono cumulabili con la rendita vitalizia liquidata dall'Inail in caso di morte per infortunio sul lavoro o malattia professionale. Le pensioni con decorrenza anteriore al 1° luglio 2000 che, per effetto della legge 335 del 1995, sono state sospese o ridotte, non possono essere cumulate con le rendite Inail fino al 30 giugno 2000; dal 1° luglio 2000 sono cumulabili con la rendita vitalizia.

5.   INDENNITA’ UNA TANTUM

Nel 1995 è stato  introdotto un nuovo sistema di calcolo delle pensioni, definito “contributivo”. Ne sono destinatari coloro che prima del 31/12/1995 non hanno versato alcun contributo.

I superstiti di assicurato deceduto senza aver maturato il minimo contributivo che dia origine alla pensione indiretta hanno diritto all’indennità una tantum.

Nel sistema contributivo l'indennità è pari all'importo mensile dell'assegno sociale, che per il 2008 è di 395,59 mensili, moltiplicato per gli anni di contribuzione in possesso dell'assicurato deceduto.

Spetta alle seguenti condizioni:

·        mancanza dei requisiti per la pensione indiretta (cinque anni di contribuzione, di cui almeno tre versati nel quinquennio precedente la data del decesso);

·        mancanza del diritto alla rendita Inail in conseguenza della morte del lavoratore;

·        presenza dei requisiti reddituali previsti per l'assegno sociale, che per il 2008 non devono superare la soglia di euro 5142,67 di reddito personale oppure di euro 10285,34 se il soggetto è coniugato.

Si ricorda che nel sistema retributivo l'indennità è liquidata in proporzione all'entità dei contributi versati, purché nel quinquennio precedente la data della morte, risulti versato almeno un anno di contributi. L'importo di questa indennità non può essere inferiore a € 22,31 né superiore a € 66,93.

DOMANDA E  DECORRENZA

La domanda di pensione ai superstiti va compilata su un modulo disponibile presso gli uffici dell'Inps o presso gli Enti di Patronato riconosciuti dalla legge.

6.   IL RICORSO

Nel caso in cui la domanda di pensione ai superstiti venga respinta, l'interessato può presentare ricorso, in carta libera, al Comitato provinciale dell'Inps, entro 90 giorni dalla data di ricezione della lettera con la quale si comunica il rifiuto. Il ricorso, indirizzato al Comitato Provinciale, può essere:

·        presentato agli sportelli della Sede dell'Inps che ha respinto la domanda;

·        inviato alla Sede dell'Inps per posta con raccomandata con ricevuta di ritorno;

·        presentato ad uno degli Enti di Patronato riconosciuti dalla legge.

 

Al ricorso vanno allegati tutti i documenti ritenuti utili per l'esame del ricorso stesso.

Se vuoi saperne di piu’, rivolgiti alla sede INAC a te piu’ vicina

 

                                                       

 

Lungotevere Michelangelo 9 - 00192 ROMA tel. 06.3201506 - fax 06.3215910
Contatti
Stampa questa pagina