Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Ecco un elenco sintetico delle prestazioni economiche previste dalla legge ed erogate dall'Inail a chi ha subito un infortunio sul lavoro o ha contratto una malattia professionale.
 

Indennità giornaliera per inabilità temporanea assoluta:

somma che viene corrisposta per il periodo durante il quale il lavoratore, a causa dell'infortunio o della malattia professionale, deve astenersi completamente dalla prestazione lavorativa (vedi l'approfondimento).
 

Indennizzo in capitale per danno biologico:

somma una tantum che viene corrisposta al lavoratore se, a causa dell'infortunio o della malattia professionale, ha subito postumi che hanno ridotto la sua integrità psicofisica in misura compresa tra il 6% ed il 15% (vedi l'approfondimento).
 

Rendita diretta per danno biologico:

somma, anche a carattere vitalizio, che viene corrisposta al lavoratore se, a causa dell'infortunio o della malattia professionale, ha subito postumi che hanno ridotto la sua integrità psicofisica e la sua capacità lavorativa in misura pari almeno al 16% (vedi l'approfondimento).
 

Integrazione della rendita diretta:

somma che viene corrisposta per il periodo durante il quale il lavoratore ha la necessità di effettuare cure per il recupero della capacità lavorativa.
 

Rendita di passaggio per silicosi e asbestosi:

somma che viene corrisposta per il periodo di un anno ai lavoratori nei cui confronti sia stata riconosciuta la silicosi (malattia a carico soprattutto dell'apparato respiratorio, dovuta all'inalazione di silice, tipica di cavatori e minatori) o l'asbestosi (malattia che si contrae con l'inalazione di polvere di amianto, anch'essa tipica di cavatori e minatori, nonché degli addette in manifatture che impiegano amianto o materiali che lo contengono), a condizione che siano stati riconosciuti postumi compresi tra l'1% e l'80% e che abbandonino la lavorazione nociva per evitare aggravamenti della malattia.
 

Rendita ai superstiti:

somma che viene corrisposta mensilmente al coniuge e ai figli (in mancanza di coniuge e figli possono essere considerati i genitori, i fratelli e le sorelle) superstiti di un soggetto deceduto a causa di infortunio o di malattia professionale, a prescindere dal fatto che il deceduto fosse o meno già titolare di rendita diretta.
 

Assegno funerario:

somma una tantum che viene corrisposta ai superstiti che abbiano sostenuto le spese per il funerale di lavoratore deceduto a causa di infortunio o di malattia professionale.
 

Assegno per assistenza personale continuativa:

somma che viene corrisposta mensilmente al lavoratore che, a causa dell'infortunio o della malattia professionale, abbia subito postumi pari al 100% e necessiti di assistenza personale continuativi a causa di una delle infermità previste dalla legge.
 

Assegno di incollabilità:

somma che viene corrisposta mensilmente al lavoratore di età non superiore a 65 anni che, a causa dell'infortunio o della malattia professionale, abbia subito postumi non inferiori al 34% e che sia riconosciuto in collocabile al lavoro per la perdita di ogni capacità lavorativa ovvero perché, data la natura ed il grado di invalidità, la sua ricollocazione lavorativa comporterebbe un rischio per la salute e l'incolumità degli altri lavoratori e per la sicurezza degli impianti.
 

Speciale assegno continuativo mensile:

somma che viene corrisposta mensilmente, a determinate condizioni reddituali, al coniuge ed ai figli superstiti di titolare di rendita diretta con postumi non inferiori al 65% che sia deceduto per cause non dipendenti dall'infortunio o dalla malattia professionale.
 

Erogazione integrativa di fine anno:

somma che viene corrisposta annualmente al lavoratore che, a causa dell'infortunio o della malattia professionale, abbia subito postumi compresi tra l'80% e il 100% e che possieda redditi non superiori a quelli stabiliti, nonché ai suoi figli di età non superiore ai 12 anni indipendentemente dal reddito.
 

Brevetto e distintivo d'onore:

oltre che ad una onorificenza, ai mutilati del lavoro con postumi compresi tra il 50% ed il 79%, nonché ai grandi invalidi con postumi compresi tra l'80% ed il 100%, viene corrisposta una modesta somma una tantum.
 

Cure idrofango termali e soggiorni climatici:

si tratta di una prestazione sia sanitaria che economica, riservata ai lavoratori infortunati o affetti da malattia professionale durante il periodo di astensione dal lavoro per inabilità temporanea assoluta, ai titolari di rendita diretta durante il periodo in cui è possibile effettuare le visite di revisione nonché, senza limiti di tempo, ai malati di silicosi ed asbestosi. Se il medico dell'Inail prescrive le cure, è previsto il rimborso delle spese di viaggio di andata e ritorno, nonché del costo del soggiorno in un albergo convenzionato, per l'invalido e per l'eventuale accompagnatore.