Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Indietro

Scuola cessazione 1° settembre 2016

Pubblicato il 23 dicembre 2015

Il Ministero dell'Istruzione ha fissato al 22 gennaio 2016 il termine ultimo per la presentazione delle domande di collocamento a riposo con decorrenza 1° settembre 2016 del personale scolastico.
Ricordo che il 22 gennaio rappresenta la data per la presentazione delle dimissioni mentre le domande di pensione conseguenti al motivo della cessazione dovranno essere presentate direttamente all'INPS – gestione ex INPDAP esclusivamente in modalità on-line attraverso la procedura telematica.
Gli interessati, nella domanda di cessazione, devono dichiarare espressamente la volontà di cessare comunque o di permanere in servizio qualora sia accertata la mancanza dei requisiti necessari al pensionamento.
A norma dell'art. 12 del CCNL sottoscritto il 15/07/2010 per i dirigenti scolastici il termine ultimo per la presentazione dell'istanza di cessazione è fissato al 28 febbraio 2016. Il personale dirigente che presenti comunicazione di recesso del rapporto di lavoro oltre tale data non potrà beneficiare delle particolari disposizioni che regolano le cessazioni del personale scolastico.
 
Le domande devono essere inoltrate con le seguenti modalità:
1) Il personale dirigente scolastico, docente ed ATA di ruolo, ivi compresi gli insegnanti di religione, dovrà utilizzare esclusivamente la procedura WEB POLIS "istanze on line" disponibile sul sito del Ministero (www.istruzione.it). Per il personale in servizio all'estero è consentito presentare le istanze anche in formato cartaceo.
2) Il personale di Trento, Bolzano ed Aosta, presenta le domande in formato cartaceo direttamente alla sede scolastica di servizio o di titolarità, che provvederà ad inoltrarle ai competenti Uffici scolastici territoriali.
3) Le domande di trattenimento in servizio per raggiungere il minimo contributivo continuano ad essere presentate in forma cartacea entro il 22 gennaio 2016.
 
Entro le predette scadenze dovranno essere presentate TUTTE le istanze di cessazione, trattenimento in servizio, trasformazione del rapporto di lavoro relative alle casistiche appresso indicate.
 

Domande da presentare entro il 22 gennaio 2016

Raggiungimento limite massimo di servizio (pensione anticipata). Si tratta del perfezionamento dei requisiti per la pensione anticipata 41 anni e 10 mesi per le donne e 42 anni e 10 mesi per gli uomini da possedersi entro il 31 dicembre 2016 senza operare alcun arrotondamento.
Pensione di vecchiaia. Si consegue a fronte di 20 anni di contributi con un'età pari a 66 anni e 7 mesi per uomini e donne.
In considerazione dell'unica finestra d'uscita coincidente con il 1° settembre, coloro che perfezioneranno i 66 anni e 7 mesi entro il 31 agosto 2016 saranno collocati a riposo d'ufficio, mentre i soggetti che perfezioneranno i requisiti tra il 1° settembre ed il 31 dicembre 2016, qualora vogliano cessare con il 1° settembre 2016, dovranno produrre apposita istanza di cessazione secondo la procedura esplicitata in premessa, in caso contrario la risoluzione avverrà d'ufficio al 1° settembre 2017.
Requisiti posseduti al 31 dicembre 2011. Le varie normative vigenti dispongono l'accesso obbligatorio al pensionamento secondo la previgente normativa per tutti coloro che abbiano perfezionato i requisiti previsti ante Fornero entro il 31/12/2011. Costoro verranno collocati a riposo d'ufficio al compimento di 65 anni (se perfezionati entro il 31 agosto 2016). Qualora i 65 anni venissero perfezionati nel periodo 1° settembre-31 dicembre 2016, il lavoratore che intende cessare dal servizio deve produrre apposita istanza.
Quindi possono presentare domanda di cessazione coloro che entro il 31 dicembre 2011 hanno perfezionato i requisiti per la:
a) Pensione di anzianità: quota 96 conseguibile con 35 anni di contributi e 61 di età oppure 36 anni di contributi e 60 di età;
b) 40 anni di contributi indipendentemente dall'età;
c) Pensione di vecchiaia:
- Uomini 65 anni di età e 20 di contributi
- Donne 61 di età e 20 di contributi
Sono sufficienti 15 anni di contributi se perfezionati entro il 31.12.1992
Opzione donna: perfezionamento entro il 30.12.2014 dei requisiti richiesti dalla legge 243/2004 e cioè 35 anni di contributi e 57 anni e 3 mesi di età. L'accesso alla prestazione presuppone l'opzione per il calcolo secondo il metodo contributivo. Per quanto riguarda la proroga dell'opzione donna al 31 dicembre 2015 contenuta nella legge di stabilità 2016, il MIUR si è riservato di fornire le indicazioni relative alle modalità e i termini di presentazione delle domande.
Trasformazione rapporto di lavoro dal full-time in part-time e conseguimento pensione: il decreto 29 luglio 1997 n.331 prevede la possibilità per chi ha raggiunto i requisiti per il pensionamento di anzianità o per la pensione anticipata di trasformare il rapporto di lavoro in part-time e di ottenere la pensione senza la necessita di cessare dal servizio. L'importo della pensione sarà inversamente proporzionale alla percentuale di part-time fino al raggiungimento del 100% della retribuzione di un lavoratore a full-time di pari livello. Possono esercitare tale opzione tutti coloro che hanno perfezionato la "quota 96" entro il 31/12/2011 a condizione che non abbiano ancora compiuto 65 anni di età e coloro che hanno i requisiti per la pensione anticipata, e cioè 41 anni e 10 mesi per le donne e 42 anni e 10 mesi per gli uomini, sempreché non abbiano ancora compiuto 65 anni di età.
La richiesta va formulata in unica istanza in cui gli interessati devono esprimere l'opzione per la cessazione dal servizio in ogni caso ovvero per la permanenza a tempo pieno qualora si verificassero cause ostative alla trasformazione del rapporto di lavoro.
Trattenimento in servizio: l'istituto del trattenimento in servizio per un biennio dopo il 65 anno di età e non oltre il 70°, è stato abrogato dal DL 90/2014. Tuttavia la disposizione abrogativa non ha inciso sulla norma che prevede il trattenimento per consentire al lavoratore di perfezionare i requisiti minimi per il diritto a pensione di vecchiaia. Di conseguenza potranno chiedere il trattenimento tutti i soggetti che entro il 31 agosto 2016 compiranno 66 anni e 7 mesi ma non sono in possesso, entro tale data, dei prescritti 20 anni di contribuzione.
Revoca dimissioni precedentemente presentate

Applicazione della risoluzioni unilaterale del rapporto di lavoro al personale scolastico (art.-72 DL 112/2008).
Con un preavviso di 6 mesi, con decisione motivata, l'amministrazione scolastica ha, comunque, facoltà di risolvere il rapporto di lavoro nei seguenti casi:
- Al compimento di 40 anni di contributi entro il 31.12.2011
- Al compimento dei requisiti per la pensione anticipata (41 anni e 10 mesi per le donne e 42 anni e 10 mesi per gli uomini) entro il 31 agosto 2016.

Pensioni, per saperne di più